MODALITÀ DI LAVORO

Due tipologie di pulizia in un’unica macchina. Il filtro automatico è pensato per adattarsi alle più svariate esigenze di filtrazione e alle impurità presenti nel materiale plastico. Da questo nascono quindi due sistemi di filtrazione distinti:

1 - Sistema a raschiamento

Il processo di raschiamento utilizza un breaker di acciaio di grosso spessore accoppiato ad un secondo breaker il cui scopo è quello di migliorare il passaggio ed aumentare il flusso di materiale plastico, specialmente nelle filtrazioni più fini e un filtro in lamierino microforato intercambiabile per una filtrazione dai 100 ai 2000 micron.

Sul filtro in lamierino agisce una girante a cui vengono applicate due lame, opportunamente distanziate dal filtro stesso per non danneggiarlo durante la pulizia a raschiamento. La girante portalame al suo interno è cava per poter raccogliere le impurità ed è collegata ad una valvola di scarico per l’espulsione del materiale contaminato. È inoltre possibile regolare la velocità di rotazione della girante e il tempo di apertura della valvola di scarico in modo da poter ottimizzare il processo di filtrazione.

Il sistema di pulizia a raschiamento può avvenire in due modi:

Il raschiamento in modalità “a pressione” è regolato da un sensore che rileva la pressione del materiale all’interno della camera di filtrazione. Durante il processo di filtrazione la pressione tende a salire a causa dell’aumento delle impurità che si accumulano sulla sezione filtrante. Una volta raggiunto il livello di pressione pre-impostato, la pulizia del filtro si attiva automaticamente eliminando le impurità attraverso la valvola di scarico.

Il raschiamento in modalità “continua” prevede una rotazione costante della girante e quindi una pulizia continua del filtro. Questa modalità è indicata quando il materiale plastico contiene elevate concentrazioni di impurità. Lo scarico viene impostato a intervalli di tempo regolati da un timer che vengono eventualmente bypassati solo in caso di raggiungimento di una pressione interna di allerta preimpostata. Con la pulizia a raschiamento le percentuali di scarto sono davvero basse e si avvicinano all’ 1% della produzione oraria.

2 - Sistema a controflusso

Il processo di controflusso è adatto a materiali poco contaminati o per un’eventuale seconda filtrazione ed è adatto a filtrazioni da 80 a 300 micron. Per passare dalla modalità a raschiamento a quella a controflusso, gli elementi del cambia filtro automatico BREAK sono facilmente sostituibili.

Si utilizzano in questo caso una rete metallica al posto dei lamierini microforati, un ulteriore breaker di protezione e un pulitore collegato alla valvola di scarico che sostituisce la girante portalame. Il sistema a controflusso sfrutta la pressione generata dell’estrusore per filtrare le impurità presenti. Al raggiungimento del valore di pressione pre-impostato, il pulitore inizia a girare automaticamente e nello stesso tempo la valvola di scarico si apre per eliminare le impurità che intasano la rete metallica.

Il più grande vantaggio del sistema a controflusso a parità di filtrazione rispetto al sistema a raschiamento è quello di abbattere in maniera significativa i costi dei ricambi ovvero consente di eliminare completamente il costo delle lame della girante e ridurre il costo dei filtri. Infatti, a parità di utilizzi e di filtrazione, il filtro in rete metallica ha un costo di decine di volte inferiore rispetto a quello dei lamierini microforati a laser. Con la pulizia a controflusso le percentuali di scarto possono al massimo raggiungere il 5% della produzione oraria. Tutte le regolazioni ed i parametri di funzionamento della macchina sono personalizzabili a seconda delle esigenze del cliente e questo permette una grande versatilità di utilizzo e di ottimizzare nel migliore dei modi il processo produttivo. Qualsiasi sia il metodo di pulizia utilizzato, Il filtro automatico autopulente BREAK garantisce un’elevata purezza del materiale plastico trattato ed è per questo che è adatto al riciclaggio della plastica contaminata da qualsiasi materiale come ferraglia, alluminio, legno e derivati, gomma, vetro, cellulosa, ecc.

Passaggio dalla modalità di pulizia a raschiamento alla pulizia a controflusso

Le tempistiche medie sono di circa 15-20 minuti per passare da un sistema di pulizia all’altro. Questo in quanto è possibile accedere al cuore della macchina semplicemente svitando con un avvitatore i dadi dei prigionieri che fissano il coperchio alla camera di filtrazione per poi sostituire i 3 accessori e passare all’altro sistema di pulizia facendo risparmiare i tempi di fermo macchina e quindi di produzione oraria.